Truck  |  Bus 

MAN Nutzfahrzeuge pronta per le sfide del futuro.

Dopo gli eccellenti risultati ottenuti nel 2008, il produttore di veicoli industriali affronta ora un anno difficile. Per il gruppo MAN Nutzfahrzeuge anche il 2008 è stato un anno di successo. Nonostante il netto calo della domanda nella seconda metà dell’anno, il principale fornitore di veicoli industriali e soluzioni di trasporto ha venduto oltre 100’000 autocarri e autobus in tutto il mondo, conseguendo per il quarto anno consecutivo un risultato operativo record che nel 2008 è aumentato del 2%, passando da 1039 (2007) a 1062 milioni di euro. Il ritorno sulle vendite (ROS) ha raggiunto, con il 10%, il livello elevato del 2007.

Il fatturato è salito leggermente (2%) attestandosi su 10,6 miliardi di euro (2007: 10,4 miliardi di euro), segnando il sesto record consecutivo. La divisione Autocarri ha registrato un fatturato pari a 9088 milioni di euro (2007: 9023 milioni di euro) con la vendita di 96’478 veicoli (2007: 93’260). Il nuovo record di vendite è stato sostenuto dalle nuove gamme pesanti TGS e TGX introdotte nel 2007 e che sono state accolte con favore dal mercato. Nel 2008 sono state vendute 19’841 unità della serie TGS e 24’402 unità della serie TGX. Sempre nel 2008 si è invece registrato un lieve calo nelle vendite delle classi leggere e medie di veicoli industriali, ovvero TGL e TGM. Tale flessione è dovuta al fatto che molti clienti hanno atteso l’uscita dei nuovi modelli di entrambe le serie. Le nuove gamme MAN TGL e TGM, presentate in anteprima mondiale nel settembre del 2008 in occasione della IAA Nutzfahrzeuge, sono disponibili dall’inizio di quest’anno e stimoleranno la domanda in questi segmenti. A causa degli effetti della crisi economico-finanziaria, nel 2008 il mercato europeo degli autocarri si è ridotto, passando da 421’000 unità a 412’000 unità (-2%). Tuttavia MAN Nutzfahrzeuge è riuscita a conseguire un aumento del 3% nelle vendite di autocarri, portando a 16,6% (+0,4%) la sua quota di mercato nel settore degli autocarri oltre 6 t. Nonostante la difficile situazione economica, MAN è quindi riuscita ad avvicinarsi sensibilmente al suo obiettivo di medio termine, ovvero la conquista di una quota di mercato in Europa pari al 18,0%. MAN è pertanto il marchio di autocarri che più di ogni altro è riuscito a potenziare la propria posizione di mercato in Europa. Dal 1975 la quota di mercato del marchio del leone è salita del 9,6% passando dal 7,0% all’attuale 16,6%; nessun marchio concorrente è riuscito a conseguire un simile risultato. Oltre al mercato principale, l’Europa, MAN Nutzfahrzeuge ha consolidato o addirittura rafforzato le proprie posizioni nel settore degli autocarri nell’Europa orientale, in Russia/CSI nonché in Medio Oriente. Grazie alla strategia di crescita internazionale nell’anno passato, il 38% delle vendite di autocarri MAN è stato realizzato nei mercati extra-europei, mentre nel 2005 il livello si attestava ancora sul 26%. Le misure di ristrutturazione introdotte nel 2007 nella divisione Autobus hanno influito positivamente già sul risultato dello scorso anno. Il fatturato è aumentato di quasi il 10% attestandosi su 1522 milioni di euro (2007: 1387 milioni di euro), mentre il risultato operativo, dopo aver subito una perdita di 13 milioni di euro nel 2007, è salito di 32 milioni, attestandosi a 19 milioni di euro. Con un totale di 7227 autobus completi e autotelai per autobus, le forniture sono rimaste leggermente inferiori al livello dell’anno precedente (7349 unità). Gli affari nel settore degli autobus turistici hanno registrato un andamento peggiore rispetto all’anno precedente. La quota di mercato in Europa è scesa al 12,8% (2007: 14,9%). Nell’ambito della ristrutturazione delle sedi tedesche NEOPLAN, MAN Nutzfahrzeuge ha preparato il terreno per un futuro più redditizio della divisione autobus. La sede di Plauen, nel Vogtland sassone, è stata potenziata e ora qui vengono prodotti autobus completi a marchio NEOPLAN. Lo stabilimento di produzione degli autobus di Pilsting è stato rilevato da VISEON Bus GmbH, un’azienda appena fondata. La crisi economico-finanziaria mondiale ha avuto ripercussioni sulla domanda di veicoli industriali, già ravvisabili nel 4° trimestre dello scorso anno. Nel 2008 il ricevimento di ordini è calato del 41% rispetto all’anno precedente, passando a 75’497 veicoli (2007: 127’345) e raggiungendo un valore di 9130 milioni di euro (2007: 12’684). Già alla fine dello scorso anno MAN Nutzfahrzeuge ha adeguato la produzione di autocarri alla mutata situazione congiunturale. Nei siti produttivi in Germania e Austria sono stati adottati in modo mirato modelli di lavoro flessibili (orario flessibile, orario ridotto) per conservare i posti dei lavoratori fissi altamente qualificati e motivati, nonostante i necessari adeguamenti nella produzione. Tuttavia è stato indispensabile ridurre notevolmente il numero di lavoratori interinali. Nello stabilimento di Cracovia, dove vengono prodotti autocarri, non è stato tuttavia possibile evitare licenziamenti nel 2008, poiché in Polonia mancano ancora i presupposti giuridici per i modelli di lavoro flessibili. Al 31 dicembre il gruppo MAN Nutzfahrzeuge impiegava un totale di 36’251 collaboratori (2007: 36’591). Le previsioni per il 2009 restano caratterizzate da grandi incertezze, poiché la situazione dei mercati finanziari e l’andamento congiunturale futuro non sono ancora chiari. Nel settore dei veicoli industriali si deve tuttavia ipotizzare un netto calo degli ordini e valori decisamente più bassi per quanto riguarda fatturato e rendimenti. Nonostante le difficili condizioni del mercato, MAN Nutzfahrzeuge continuerà a occupare importanti settori del futuro, ad ampliare il moderno portafoglio di prodotti, ad adeguare in modo ancora più deciso l’offerta dei servizi alle specifiche esigenze dei clienti nonché a consolidare le attività di post-vendita. Le basi per tutto ciò sono già state poste in gran parte lo scorso anno. Con 528 milioni di euro, gli investimenti sono aumentati del 48% rispetto all’anno precedente. L’investimento principale in partecipazioni è stato l’aumento delle quote al 50% nell’azienda indiana MAN FORCE Trucks, conseguito con l’acquisto di azioni e l’aumento di capitale. In questo modo MAN Nutzfahrzeuge si assume una maggiore responsabilità nella joint venture e incentiverà in particolare la vendita di autocarri prodotti in India nei mercati in crescita in Asia e Africa. Per quanto riguarda il settore produttivo, sono stati investiti 64 milioni di euro nello stabilimento di Norimberga soprattutto in centri di lavorazione per componenti speciali del motore. Nella sede di Monaco di Baviera, MAN Nutzfahrzeuge ha fondato una nuova accademia nella quale vengono formati i collaboratori del reparto di assistenza tecnica con l’ausilio dei più moderni metodi e materiali didattici. In estate nella sede di Monaco verrà inaugurato il nuovo MAN Forum, ovvero una moderna struttura completamente dedicata ai veicoli industriali. L’edificio dall’architettura ambiziosa ospiterà il «Branchen Competence Center», nel quale gli autocarri verranno presentati negli allestimenti tipici del settore, il centro clienti, per il ritiro degli autocarri o autobus acquistati, e il «Markenwelt», dove sarà possibile conoscere meglio il marchio con il leone. Nelle immediate vicinanze del MAN Forum sta sorgendo il NEOPLAN Forum, che verrà inaugurato a cavallo tra il 2009 e il 2010. Per continuare a migliorare il rapporto con i clienti, MAN Nutzfahrzeuge sta ampliando la rete di servizi mondiale, in particolare anche nei mercati in crescita dell’Est europeo. Nel 2008 sono stati investiti circa 100 milioni di euro nella costruzione e modernizzazione delle filiali dell’assistenza tecnica. Quest’anno MAN Nutzfahrzeuge costruirà altre 30 nuove sedi dedicate all’assistenza. Il gruppo MAN Nutzfahrzeuge, in qualità di produttore leader a livello mondiale, sente la responsabilità di contribuire in modo sostanziale al continuo miglioramento dell’ efficienza di trasporto. Per far fronte a questa responsabilità nei confronti dei clienti, della società e dell’ambiente, lo scorso anno MAN Nutzfahrzeuge ha speso 257 milioni di euro (2007: 234 milioni di euro) per la ricerca e lo sviluppo. Tale cifra corrisponde al 2,4% del fatturato (2007: 2,2%). Per ulteriori informazioni: www.man-mn.com/en/ontheway